Santiago

Mercoledì 6 settembre

Ci troviamo alle 10 con la coppia svizzera, per evitare il rush hour della mattina, e con una metro e un bus raggiungiamo un parco alle porte di Santiago. È già incredibile vedere le montagne innevate dal centro città, e pensare di raggiungere delle zone verdi in così poco tempo è ancora più straordinario. La passeggiata è un sentiero sul fianco delle colline, da dove si vede la città sotto uno strato di smog..Poco invitante ritornare lì giù. Pic nic su un prato e ritorniamo pian piano alla vita reale. Visitiamo il Barrio Italia, simpatico quartiere calmo pieno di baretti. Una merendina ce la meritiamo 😉

Nonostante la camminata sia stata semplice e breve, la sera siamo piuttosto stanchi, cuciniamo una pasta e un po’ di verdura e crolliamo sul letto.

Giovedì 7 settembre

L’idea era di andare al museo della moneta, dove ci sono mostre gratuite fino alle 11. A mezzogiorno abbiamo appuntamento con gli svizzeri per andare a vedere il mercato. Nella pratica, non riusciamo ad alzarci abbastanza presto. Lo terremo per domani. Aggiorniamo il blog e usciamo a fare due passi aspettando mezzogiorno. Il giro del mercato è un’esperienza da fare assolutamente, in qualsiasi città del sud america ne troviate uno, andateci! Tutti quelli che abbiamo visto sono un concentrato fitto di bancarelle con frutta e verdura freschissima e buonissima, con venditori che urlano più o meno, che fanno il prezzo a seconda del cliente..se siete stranieri, comprate dove il prezzo è scritto per evitare fregature. È comunque un ambiente affascinante. Ci ritroviamo con 6 banane, 5 avocadi, 3 frutti della passione, 1 fico d’india e mezzo kg di quinoa..proveremo a portarne un po’ a casa. I cileni sono molto rigorosi e vietano l’entrata di frutta e verdura. Per evitare problemi in uscita metteremo tutto nello zaino in stiva, sperando di non arrivare a casa con una guacamole pronta! In ogni caso, ci perdoneranno i cileni, ma le loro banane non hanno niente a che vedere con quelle peruviane che trovi ovunque, appena raccolte ancora tutte in grappolo..

Facciamo un salto al Mercado Central, pieno di banchetti di pesce fresco. I prezzi dei ristorantini non sono esorbitanti, ma per oggi abbiamo speso abbastanza. Compriamo solo un’empanada e continuano in altri parchetti della città per approfittare dell’ultimo pomeriggio e della primavera che sta sbocciando.

A cena non può mancare una bottiglia di vino cileno per festeggiare la fine delle vacanze.

Venerdì 8 settembre

Un meteo invernale ci aspetta. Usciamo verso le 9 per andare al museo, e sulla nostra strada c’è il mercato. A quest’ora i banchetti stanno ancora allestendo! Anche nelle grandi città il ritmo sud americano non manca. Riusciamo ad arrivare in tempo per entrare gratuitamente al museo: esposizione su Warhol e sul fotografo Poirot. Ultimo giretto e caffettino prima di tornare a fare gli zaini, per l’ultima volta…